Aggiungiamo un po’ di Unity in Gnome Shell

Non uso Ubuntu.

L’ho usato ai suoi inizi, l’ho apprezzato moltissimo, ma ora non lo uso.

Troppi cambiamenti, troppo distacco dal main stream, troppo VIP per un tipo fondamentalmente underground come me.

Ho però Ubuntu installata sul mio computer, ultima versione. E ho avuto modo di provare Unity. Non ci ho capito molto, ma una cosa mi piaceva: la dock a sinistra a scomparsa.

Molto comoda per lanciare le applicazioni (meno per gestirle), e soprattutto poco intrusiva. Eppoi la posizione, li, a sinistra, ci sta proprio bene.

Utilizzando Gnome Shell avvertivo la necessità di un modo veloce e semplice per lanciare applicazioni, bisogno aggravato dal fatto che Kupfer su archLinux ha smesso di funzionare e su OpenSuse proprio non c’è.

Ora, far partire ogni volta l’animazione della shell cliccando Activities soltanto per lanciare un programma (e doverlo ripetere ogni volta se i programmi da lanciare sono più di uno) è decisamente tedioso…

Ma per fortuna la scella è estendibile! Quindi basta attivare questa estensione (dock) per poter avere un comportamento simile a Unity anche su Gnome Shell.

Per installarla basta accedere al sito da Firefox e mettere ad ON lo switcher affianco al nome dell’estensione.

Una volta installata, potrete configurare la dock modificando, per gnome 3.2, il file extension.js, sezione Settings, presente in /home/vostro_nome_utente/.local/share/gnome-shell/extensions/dock@gnome-shell-extensions.gcampax.github.com/ (per le versioni successive di Gnome invece i cambiamenti possono essere fatti direttamente da GSetting)

Nell’immagine che vedete ho posto la posizione della dock a left (è ideale li IMO) e ho cambiato l’effetto di presentazione della dock in RESCALE.

Come potete vedere si può anche scegliere la dimensione delle icone, la velocità dell’animazione, e se tenere la barra sempre visibile o meno.

Occhio a non cambiare i setting successivi, che sono gli stessi ma vanno tenuti impostati a quei valori per motivi di sincronizzazione con il master branch del progetto.

Difetti di questa estensione:

– la dock non si nasconde completamente

– installandola si aggiunge un livello di ridondanza al design di Gnome, avendo di fatto due barre da cui lanciare le applicazioni

Sperandoo di essere stato utile (se avete bisogno chiedete pure) vi lascio con un video dell’estensione all’opera.

Enjoy!!!

Questa voce è stata pubblicata in informatica, linux, mini guide e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Aggiungiamo un po’ di Unity in Gnome Shell

  1. wozy furi ha detto:

    ciao, per caso mica sapresti darmi un suggerimento?
    usavo la dock extension con gnome shell 3.0 senza problemi, oggi la testing mi ha aggiornato a gnome 3.2
    ho dovuto ri-installare l’estensione, ma, contrariamente a prima, quando disabilito l’autohide (che trovo detestatile, de gustibus…), quando messimizzo la finestra questa prende tutto lo schermo, andando sotto la barra, mentre prima la barra e la finestra erano entrambe in primo piano, l’una accanto all’altra (e la cosa mi andava essendo il mio schermo 16:9).
    Sai quale stringa devo cambiare per ristabilire il comportamento precedente?
    grazie se hai voglia di suggerirmi qualcosa🙂

    • nicomede ha detto:

      ho provato e il problema si presenta anche a me. Non credo ci sia un modo di risolvere, semplicemente è una regressione sfuggita al creatore dell’estensione. Ho provato a scrivergli ma non ho ancora ricevuto risposta. Speriamo possa risolvere per gnome 3.4, anche se mi sa che dovrai aspettare parecchio prima di poterlo avere sulla tua debian. Potresti provare con panel docklet (dock stile win7), anche se a me sul sito la porta come incompatibile…:-/

  2. wozy furi ha detto:

    Grazie per l’interessamento!!
    In realtà io manco ci avevo pensato a scrivere all’autore, credendo fosse un parametro che mi era sfuggito😉
    Ora va proprio come voglio!!
    Complimenti per l’efficacità

  3. Pingback: Intervista a GCampax, italianissimo coder di Gnome e delle sue estensioni! « La concoide

  4. Pingback: Intervista a GCampax, italianissimo coder di Gnome e delle sue estensioni! « La concoide

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...